Login

+39 06 83396746
info@asdatleticom.it
Piazza Giacomo Matteotti 12 00010 - Montelibretti (RM)
94072630588
Orari: 9.00 - 13.00 e 14.00 - 18.00

Si è svolta domenica 10 settembre la “Passiata di San Diodoro”, la gara podistica più antica della regione Campania, intitolata a San Diodoro Martire, santo protettore di San Marco dei Cavoti (BN). La gara, giunta quest’anno alla 44esima edizione, attraversa i luoghi simbolo di San Marco dei Cavoti tra i quali la “Crocella”, “Toppo Iapopolo” (un colle di 706 m) e la salita di “Sole Bianco” (circa 300 mt con una pendenza media del 15%) rinominata per la sua ripidità “The Wall” (Il muro).

Più che una gara è una sfida perché il percorso impegna davvero tanto sia a livello fisico che a livello mentale, caratteristiche sintetizzate perfettamente nello slogan della manifestazione: “testa, cuore e gambe”. Si può facilmente capire che non è una gara come le altre, è qualcosa di più, è una sfida che culmina in un anomalo connubio tra il piacere e la fatica. Chi vi partecipa per la prima volta resta legato a quei luoghi, affascinato dalla cittadina, attratto dal percorso e ogni anno ritorna con l’obiettivo di migliorarsi.

L’edizione 2017 ha visto al via ben 448 atleti, numero vicino al record del 2015 di 508 partenti e 420 arrivati. Alla fine sono stati solo 247 i podisti e “passiatori” che sono riusciti a tagliare il traguardo, colpa sicuramente della durezza del percorso che ogni anno fa registrare un numero fisiologico di ritiri ma anche del cattivo tempo che è stato protagonista con un tremendo temporale iniziato a circa un’ora e venti dalla partenza. Per quanto riguarda la mia gara, ho chiuso i 12,8 km dell’impegnativo percorso in 59’ terminando in 26° posizione assoluta e 4° di categoria, un po’ lontano dal mio personale sul circuito di 57’40’’, ma va bene lo stesso.

 

L’appuntamento è per il prossimo anno per fare ancora meglio!